Gemme e Draghi | Rare diamonds, gems, jewelry, gemology and crypto payments

Diamanti

Diamanti e Storia

Gemmologia

Gemme e Tradizioni

Approfondimento

Gemme e tradizioni

Quali sono il significato e l'origine del termine "drago"? 

Questa parola ha un'etimologia complessa che coinvolge più lingue e culture, ma una cosa è certa: i primi draghi erano legati al simbolismo collegato alla figura del serpente. 

Dopotutto, l'adorazione di questo rettile è uno dei culti più antichi, ma come sono nati i miti e le leggende di creature simili a draghi con ali e capacità di sputare fuoco? 

Ecco qui di seguito alcune delle prime tracce conosciute di queste creature nella mitologia antica delle principali civiltà antiche del mondo.

La parola "drago" ha un'etimologia complessa che coinvolge più lingue. 

Il termine italiano “drago” deriva dal latino "draco" che trova le sue radici nel greco " δράκων (drakon" pl. Drakontes). 

Letteralmente "veggente acuto", tradizionalmente imparentato con δέρκομαι (dérkomai, "vedere") con il significato letterale di "colui che fissa". 

Questo riferimento si riferisce probabilmente allo sguardo perpetuo dei serpenti poiché sono privi di palpebre. 

Il termine "drakon" era usato per riferirsi a un serpente oa un drago, e le lingue antiche spesso usavano la stessa parola per entrambi.

Esiste anche la radice drakont- per drakon- (anche come forma di participio passato), o come termione femminile δράκαινα (drákaina). 

Questo termine divenne anche sinonimo di "serpente" o "pesce di mare gigante". 

Il simbolismo dietro i serpenti è strettamente legato ai primi draghi. 

Il culto del serpente è una delle più antiche forme di culto e l'immagine del serpente era legata all'acqua, alla fertilità, alla vita e agli inferi nelle culture antiche. 

Il fatto che i serpenti muovano la pelle era spesso visto come un simbolo di vita e rinnovamento. 

Nella mitologia mesopotamica, il serpente era anche associato alla guarigione e alla fertilità.

Oggi, questo termine viene usato per indicare una vasta gamma di creature mitiche, dal classico drago europeo a quello cinese, che ha un aspetto più serpentino. 

È stato anche usato nella cultura popolare per descrivere una varietà di creature fantastiche, dai mostri sputafuoco della serie televisiva “Il Trono di Spade” a quelli simpatici draghi del cartone animato “Come Addestrare il tuo Drago”.

Ecco il corrispondente della parola "drago" in alcune lingue che hanno leggende legate a questa figura:

  • In inglese: "dragon", 
  • In francese: "dragon", 
  • In spagnolo: "dragón", 
  • In tedesco: "Drache", 
  • In cinese: "龙" (lung o long),  
  • In coreano: "용" (yong).

Ci sono diversi tipi di draghi conosciuti in diverse culture, e qui di seguito li elenco brevemente per area d'origine:

Draghi europei: i draghi europei sono spesso descritti come enormi creature con grandi ali e un corpo coperto di scaglie. 

Sono in grado di volare e sputare fuoco, e spesso sono associati alla malvagità e alla distruzione.

Draghi asiatici: i draghi asiatici hanno un aspetto diverso rispetto a quelli europei. 

Sono spesso descritti come serpenti con zampe e ali, e non sputano necessariamente fuoco. 

Sono considerati creature sacre e simboli di potere e saggezza.

Draghi africani: i draghi africani sono generalmente meno conosciuti rispetto a quelli europei e asiatici. 

Sono spesso descritti come enormi serpenti o lucertole con un corpo coperto di scaglie. 

Possono essere associati alla fertilità e alla pioggia.

Draghi sudamericani: i draghi sudamericani sono spesso descritti come enormi serpenti alati con gambe di felino. 

Sono considerati creature malvagie e spesso associati alla distruzione e alla morte.

Draghi dell’Oceania: i draghi del mondo downunder sono spesso rappresentati come creature marine, con un aspetto che ricorda quello dei pesci o delle lucertole. 

Possono essere considerati creature sacre e associati alla fertilità e alla protezione.

In generale, i draghi sono considerati creature leggendarie potenti e misteriose, spesso associati alla mitologia e alla religione.

I primi racconti di creature simili a draghi con ali e capacità di sputare fuoco si trovano in miti e leggende dell'antica Mesopotamia e dell'Egitto, datati intorno al 4000-3000 a.C. 

In queste culture, i draghi erano spesso associati a divinità e ad alcune figure mitologiche, come la dea Ishtar, o gli dei Tiamat e Marduk. 

Inoltre, il termine sumerico più significativo usato per descrivere il serpente volante con il respiro fiammeggiante era U-SHUM-GAL, che era un epiteto comune per il grande dio Enki e altri grandi dei.

Nei primi giorni di Sumer, il grande drago o USHUMGAL era un nome complementare per un benevolo dio serpente. 

Questo si vede nel primo mito Enki e Inanna: L'Organizzazione della Terra e i suoi Processi Culturali, che si occupa dell'organizzazione delle attività sulla Terra. 

In questa poesia, Enki è lodato come il "grande USHUMGAL" che creò le fertili terre di Edin e rese il mondo verde e prolifico. 

Nella stessa storia, USHUMGAL è un epiteto applicato al dio Dumuzi, il marito di Ishtar (Inanna) a cui ci si riferisce come U-SHUM-GAL-AN-NA o il "grande ardente serpente volante del cielo". 

In questo brano, che tratta dell'assegnazione di compiti sulla Terra da parte di Enki, Dumuzi è incaricato dell'allevamento e dell'agricoltura.

Il termine U-SHUM-GAL si trova anche in un altro mito chiamato Inanna ed Ebih, la storia della distruzione di una terra di montagna non identificata da parte di Ishtar (Inanna) e Ninurta. 

Qui Ninurta è chiamato U-SHUM-IGI-HUSH o "serpente volante dall'aspetto focoso". Il termine HUSH ha anche il significato di serpente volante. 

Ninurta è anche chiamato MUSH-SHA-TUR-GAL-GAL o letteralmente "il serpente volante dallo sguardo ardente". 

Wilson afferma che le due denominazioni hanno lo stesso significato, che i termini MUSH e SHUM sono intercambiabili.

In un frammento di una delle prime tavolette sumere conosciute, datata intorno al 3500 a.C., c'è una descrizione della venuta degli dei su questo pianeta dai cieli, molto prima dell'evento del Diluvio universale. 

Nella descrizione si parla di una divinità chiamata Mushdamma, che viene caratterizzata come un serpente volante con uno sguardo ardente. 

Questa figura sembra essere associata con l'idea di un messaggero divino, che porta un messaggio dalla sfera divina alla sfera terrena.

Ecco una sommaria traduzione del breve brano:

  • I rettili in verità discendono,
  • La Terra risplende come un giardino ben irrigato,
  • In quel momento Enki ed Eridu non erano apparsi,
  • La luce del giorno non brillava,
  • La luce della luna non emergeva.

Mentre i termini “drago” e “serpente” erano spesso usati in modo intercambiabile nella mitologia antica per descrivere lo stesso essere, fu nell’iconografia mesopotamica che furono concepite per la prima volta le caratteristiche fisiche del drago come diverse da un serpente. 

I sigilli cilindrici del periodo Uruk IV risalenti al 3300-3100 a.C. circa mostrano coppie di mostri con lunghi colli intrecciati, che successivamente si sono sviluppati nell’immagine di un drago con ali e denti aguzzi.

I draghi nell’arte mesopotamica erano principalmente di due tipi: il drago simile a un serpente e il drago leonino, entrambi con collo e coda allungati, scaglie e quattro zampe. 

Il drago simile a un serpente è apparso per la prima volta nel periodo Uruk IV ed è identificato con il muš-huš, mušmah o mušḫuššu, mentre il drago leonino, che ha sostituito il leone alato come simbolo reale e divino, è identificato con l’ušumgal. 

Il dio della tempesta Ningirsu di Lagash fu una delle prime divinità associate al drago nel primo periodo dinastico III. 

Il mito delle gesta di Ninurta o Lugal-e menziona Ninurta, che era associato al drago, come un feroce guerriero che affrontò diversi esseri leggendari tra cui Kuli-ana, il drago e il serpente a sette teste.

Altre divinità mesopotamiche associate ai draghi nell’iconografia sono Tishpak, un dio accadico della tempesta e del cielo e divinità tutelare della città di Eshnumma; Assur, l’equivalente assiro del dio della tempesta sumero Enlil; e Marduk, la divinità protettrice di Babilonia. 

Il mušmah è stato anche menzionato nei cilindri di Gudea, che descrivono la sua mazza come “un mušmah, come l’acqua delle nuvole dalle montagne di cedro”, e il suo tamburo come “usumgal-kalama” o “grande drago della terra.

La figura del serpente volante è presente in diverse culture antiche, tra cui quella sumera e quella egizia. 

In queste culture, il serpente volante è spesso associato alla divinità e alla conoscenza, e viene rappresentato come un ponte tra il mondo degli dei e quello degli uomini.

Nella cultura sumera, in particolare, il serpente volante viene descritto come un simbolo di trasformazione e di trasmissione della conoscenza. 

La figura del serpente volante è associata alla divinità Enki, il dio della saggezza e della conoscenza. 

Secondo la mitologia sumera, Enki avrebbe trasmesso la conoscenza dell'agricoltura e dell'irrigazione agli uomini, aiutandoli a sviluppare una civiltà agricola.

La figura del serpente volante sembra essere stata un simbolo importante nella cultura sumera e in altre culture antiche, associata alla divinità e alla conoscenza. 

La denominazione MUSH e SHUM sembra essere intercambiabile e indicare la stessa figura, il serpente volante.

Il mito dei serpenti e dei draghi, presente in diverse culture e periodi storici, ha sempre esercitato un forte fascino e mistero. 

Nella mitologia mesopotamica, il serpente che muta la sua pelle è stato spesso associato alla vita e al rinnovamento, come nel caso dell'epopea di Gilgamesh, dove un serpente ringiovanisce istantaneamente e cambia pelle dopo aver mangiato l'erba della vita. 

Nel simbolismo sumerico, il serpente rappresentava la fertilità, la cura delle malattie e la guarigione. 

Nelle iscrizioni del Sigillo di Gudea, che furono composte intorno al 2100 a.C., i draghi servivano come assistenti di diversi dei del tempo e le loro lingue biforcute o "fiamme" sembrano corrispondere al simbolo del fulmine che gli dei della tempesta tengono sulle loro mani nei secoli successivi. 

Mentre Kur, il mondo sotterraneo sumerico, è stato considerato il primo drago nella letteratura antica, nei testi antichi non viene mai chiamato esplicitamente un drago o addirittura un serpente.

È possibile che Ningirsu/Ninurta potesse essere rappresentato come un dio della tempesta o un drago, o che il drago fosse l'incarnazione ideologica delle sue armi, il šar-ur e l'usumgal-kalama. 

Il concetto del drago che combatte il dio della tempesta è introdotto in The Exploits of Ninurta o nel mito di Lugal-e.

Queste creature leggendarie erano spesso associate alla forza, al potere e alle divinità, e venivano rappresentate come imponenti e sagge. 

L'immagine del drago alato che sputa fuoco ha subito diverse evoluzioni e variazioni a seconda delle culture e dei periodi storici, ma è comunque diventata un'icona della mitologia e della fantasia. 

Eventualmente le leggende mediorientali si riversarono nel mondo ellenico antico. 

Esistono, infatti, diverse teorie sulle origini dei miti del drago greco: l'evoluzione verticale dalla mitologia proto-indoeuropea, l'adattamento orizzontale dalla mitologia del Vicino Oriente antico, o l'origine all'interno della "nuvola del racconto popolare internazionale". 

Tuttavia, alcuni studiosi giudicano la teoria dell'adattamento orizzontale insensata, poiché implicherebbe che il mondo mitologico greco fosse una "tabula rasa" prima di tale adattamento. 

La teoria più plausibile è quella delle origini nel Vicino Oriente di Tifone.

Inoltre, esistono diverse figure di draghi nella mitologia greca, tra cui Tifone, Ladone e l'Idra di Lerna. 

Tifone era l'ultimo figlio di Gaia e, con la compagna Echidna, generò molti mostri. Tentò di rovesciare Zeus, ma fu sconfitto grazie a una roccia scagliata dal dio. 

Ladone era un drago che si attorcigliava attorno all'albero nel Giardino delle Esperidi e custodiva le mele d'oro. 

L'Idra di Lerna, figlia di Tifone ed Echidna, era un serpente d'acqua con zanne, sangue e alito velenosi e dalle sette alle nove teste. 

Per ogni testa tagliata, ne ricrescevano una o due al suo posto, e aveva una testa immortale d'oro. 

Fu uccisa da Eracle con l'aiuto di Iolao, che bruciò il ceppo per impedire la ricrescita delle teste. 

Eracle seppellì la testa immortale sotto una roccia e immerse le sue frecce nel sangue della creatura per renderle fatali ai suoi nemici.

I romani assorbirono molte delle tradizioni greche.

Per i romani il drago era una specie di serpente e anche a uno stendardo o bandiera usato dall'esercito romano, chiamato "draconarius" o "draconifer", che era costituito da una lancia con un drago in bronzo dorato alla sommità, che agitava al vento mentre l'unità si muoveva. 

L'immagine del drago rappresentava il potere e la forza dell'esercito, ed era un simbolo di distinzione per l'unità che lo portava. 

Durante le parate, l'immagine del drago era accompagnata da musica e fanfare, creando uno spettacolo impressionante per gli spettatori. 

Mentre secondo la mitologia greca, i diamanti sarebbero le lacrime degli dèi, mentre per i romani sarebbero frammenti di stelle cadute sulla Terra.

La Dragonite

La pietra Dragonite è una leggendaria pietra preziosa che ha affascinato le persone per secoli. 

Secondo le leggende, questa pietra è stata creata dal fuoco del drago e possiede un potere mistico in grado di proteggere coloro che la possiedono da ogni tipo di male. 

È stata nominata in diverse opere di fantasia, tra cui la serie Pokémon, dove viene descritta come una pietra rara e potente che può essere utilizzata per evolvere alcuni tipi di Pokémon.

Ci sono molte storie sulla pietra Dragonite e la sua origine, ma la leggenda più conosciuta la collega al regno di Gwynedd, in Galles, durante il XII secolo. 

Si dice che la pietra fosse stata donata al re Owain Gwynedd dal drago Draiggoch, come segno di alleanza tra i due. 

La pietra venne tenuta al sicuro nella cattedrale di Bangor, dove si credeva che avesse protetto il regno dal male per molti anni.

Nonostante l'enorme interesse e la curiosità che la pietra Dragonite ha suscitato nel corso dei secoli, la sua esistenza rimane un mistero e un'incognita. 

Tuttavia, la sua leggendaria bellezza e il suo potere mistico continuano ad affascinare le persone di tutto il mondo, rendendola una pietra mitica e intramontabile.

I draghi nella cultura e mitologia africana

In Africa, i draghi sono spesso associati al fuoco e alla creazione, e a differenza di altre culture, non sono rappresentati con tesori o pietre preziose. 

In alcune tradizioni africane, i draghi erano considerati creature sacre e potenti, dotati di capacità magiche e guaritrici. 

Si credeva che questi animali fossero in grado di volare e di lanciare fiamme, e che potessero proteggere le tribù e le persone dal male. 

La tradizione principale in cui i draghi erano, in qualche maniera, presenti era l'Egitto antico. 

Essi non venivano descritti come creature comuni. 

Tuttavia, ci sono state alcune raffigurazioni di creature simili a draghi nelle opere d'arte e nelle decorazioni architettoniche. 

Per esempio esiste la credenza di un serpente alato, che veniva associato alla dea del cielo, Nut. 

Si credeva che il rettile fosse in grado di proteggere le tombe e le mummie e che potesse aiutare i defunti nel loro viaggio nell'aldilà. 

Inoltre, nelle tombe reali del Nuovo Regno (circa 1550-1070 a.C.), è possibile trovare raffigurazioni di serpenti alati che potrebbero essere interpretati come draghi.

Il faraone Tutankhamon (XVIII dinastia, regno dal 1332 al 1323 a.C.) aveva un trono decorato con immagini di serpenti e leoni, che alcuni studiosi considerano un'immagine di creature simili a draghi.

Inoltre, la dea Wadjet, rappresentata come un serpente o una creatura simile a un drago, era la protettrice della Basso Egitto. 

La dea Hathor, invece, era a volte rappresentata come una creatura simile a un drago, in particolare nella sua forma di "Hathor del Sud". 

Non sempre questi esseri vengono ivsti come benigni. 

Nel "Libro dei Morti", un testo funerario risalente al periodo ramesside (circa 1295-1070 a.C.), i draghi appaiono come creature malvagie che minacciano il defunto nel suo viaggio nell'aldilà.

La connessione tra i draghi e le pietre preziose nell'Antico Egitto è documentata in diverse fonti. 

Ad esempio, una tavoletta in stile egiziano risalente al periodo ptolomaico (circa 332-30 a.C.) raffigura un drago che tiene una pietra rossa nella sua bocca. 

Inoltre, il mito di Apep, il serpente nemico del dio del sole Ra, è associato alle pietre preziose. 

Secondo la mitologia egizia, Ra sconfiggeva Apep ogni notte, quando il serpente cercava di impedire al sole di sorgere. 

Dopo la vittoria di Ra, le lacrime di Apep si trasformavano in pietre preziose. 

Questa leggenda potrebbe essere connessa con la credenza dei greci, secondo la quale I diamanti venivano create dalle lacrime degli dei.

Per quanto riguarda la connessione tra draghi e pietre preziose, esistono opere d'arte raffigurano serpenti con un corno sulla testa che spesso regge una gemma, che potrebbe essere interpretata come un'immagine di creature simili a draghi con pietre preziose.

Inoltre, il drago Naga (forse collegato a tradizioni asiatiche) era associato al potere, alla fertilità e alla guarigione. 

Inoltre, la pietra di luna è stata considerata sacra e utilizzata come talismano protettivo, spesso scolpito in forma di drago.

Una delle storie più famose di creature simili a draghi proviene dalla tribù Dogon del Mali. 

Secondo la loro leggenda, c'era una creatura chiamata Nommo, che aveva il potere di controllare l'acqua e il fuoco. 

Nommo aveva la forma di una grande serpente, ma aveva anche le ali e una testa che ricordava quella di un coccodrillo. 

La tribù credeva che Nommo fosse una divinità importante, che aveva creato il mondo e tutto ciò che c'è al suo interno.

In altre parti del continente, i draghi venivano associati al diamante

Ad esempio, nella cultura Bantu dell'Africa meridionale, esiste una leggenda che racconta di un grande serpente di diamante che viveva in una caverna sotterranea. 

La tribù credeva che il serpente di diamante fosse un guardiano dei tesori della terra e che avesse il potere di proteggerli da coloro che avrebbero cercato di rubarli.

In altre leggende l'agata e la giada erano collegate a esseri mitologici. 

In queste storie, i draghi sono spesso visti come creature che rappresentano la forza e la saggezza, ma che possono anche essere pericolosi se provocati.

I draghi nella cultura e mitologia asiatica

La cultura asiatica è ricca di miti e leggende che raccontano di draghi che proteggono tesori e gemme preziose. 

In Giappone, ad esempio, la leggenda di Kiyohime narra di una giovane donna che si innamorò di un monaco, ma venne respinta. 

La donna si trasformò in un drago e inseguì il monaco in un tempio, dove si nascondeva un grande tesoro. 

Il drago si avvicinò al monaco e lo divorò, ma in quel momento le gemme brillarono dalle sue fauci.

Le pietre preziose erano spesso utilizzate anche come elementi decorativi sui draghi stessi. 

In Giappone, ad esempio, le statue di draghi spesso presentano pietre preziose incastonate nella loro superficie tuttavia essi sono associati all'acqua, e non alle pietre preziose. 

Esse avevano altre funzioni protettive: per esempio, nel XVII secolo, quando i samurai giapponesi portavano con sé gemme per proteggersi dal male. 

La pratica ha successivamente mescolato le 2 credenze nella cultura popolare, dove i draghi decorati con pietre preziose sono diventati oggetti comuni di venerazione.

Nella cultura cinese, i draghi sono stati a lungo associati alle gemme, in particolare la giada. 

Secondo la tradizione cinese, questa pietra ha il potere di proteggere chi lo possiede dai demoni e dalle forze maligne. 

La giada viene spesso scolpita in forma di dragone, che rappresenta la forza, la saggezza e la protezione. 

Inoltre, i draghi cinesi sono spesso rappresentati con perle tra le loro fauci, che simboleggiano la saggezza e la conoscenza. 

Secondo una leggenda, i draghi vivevano nei fiumi e nei mari, e possedevano un cristallo che rifletteva la luce del sole e che era in grado di controllare il tempo e le stagioni. 

Questo cristallo era in realtà un diamante, e si diceva che i draghi lo avessero ereditato dagli dei. 

Il diamante era considerato un simbolo di potere e di forza, ed era associato ai draghi, creature mitologiche che rappresentano l'essenza stessa della forza e della saggezza. 

Il drago orientale è rappresentato come una creatura benevola e amichevole con l'umanità, a differenza del drago occidentale che è generalmente associato al male e alla distruzione. 

La mitologia cinese è dominata da quattro raggruppamenti generali di draghi: i Draghi Celesti, i Draghi dei tesori nascosti, i Draghi della terra e del fiume e i Draghi che volano. 

I draghi dei tesori nascosti sono a capo di tutti i preziosi gioielli e metalli sepolti nella Terra, portando sotto il mento un'enorme perla bianca della saggezza che moltiplica qualunque cosa tocchi. 

I draghi cinesi sono spesso associati a pietre preziose come la giada, mentre la storia di Liu Ye narra di un umano che divenne un drago volante. 

La storia racconta di un giovane studioso che fallisce l'esame annuale per diventare un amministratore imperiale e incontra una ragazza pastora di capre, che si rivela essere una principessa della razza dei draghi.

Secondo una leggenda cinese, ad esempio, il drago Fucanglong custodisce nel suo ventre una pietra magica dalle proprietà straordinarie, conosciuta come "pietra del drago". 

Questa pietra sarebbe stata utilizzata per creare le spade più potenti e le armature più resistenti.

In leggende orientali più recenti, i draghi sono stati associati anche ai diamanti. 

Queste gemme, oggi tanto riverite erano ritenute portatrici di fortuna, prosperità e lunga vita, e sono considerati un simbolo di amore e di buon auspicio. 

Il grande valore collegato a questi cristalli si trova anche in altre parti dell’Asia. 

Nella cultura indiana, i diamanti erano considerati sacri e utilizzati come talismani protettivi, simboli di prosperità e fortuna. 

Secondo la leggenda, i draghi indiani erano i custodi dei tesori dei re e degli imperatori, e proteggevano questi tesori con la loro forza e la loro saggezza. 

I diamanti erano spesso usati per creare gli occhi dei draghi, simboli della loro capacità di vedere tutto e di proteggere il tesoro. 

Alessandro Magno, già nel IV secolo a.C., contribuì alla popolarizzazione del “Mito della Valle dei Diamanti”, secondo il quale grandi quantità di queste pietre erano custodite da degli enormi serpenti. 

Tale leggenda continuò ad esistere per quasi 2 mila anni, venne menzionata da Marco Polo ed apparve anche tra le avventure di Sinbad il Marinaio, uno dei racconti da una celebre raccolta di storie orientali intitolata “Le mille e una Notte (in arabo: ألف ليلة وليلة‎, un testo di origine egiziana, mesopotamica, indiana e persiana), costituita a partire dal X secolo, di varia ambientazione storico-geografica, composta da differenti autori.

In Vietnam, i draghi sono stati venerati sin dal periodo Đông Sơn, tra il III e il I millennio a.C. 

Quelli vietnamiti erano generalmente rappresentati come creature a serpente con le gambe, le ali e le corna di cervo ed erano spesso associati alla giada, considerata una pietra preziosa che rappresenta la forza, la saggezza e la virtù.

In Corea, i draghi sono stati presenti fin dai tempi antichi, come attestato dai reperti archeologici del periodo dei Tre Regni (57 a.C.-668 d.C.). 

Il drago coreano, noto come yong o yongguk, è una creatura a forma di serpente con le gambe, le corna di cervo e le ali di pipistrello. 

Anch’essi vengono spesso associati alla giada e alla perla, gemme portatrici di saggezza e la virtù.

Nelle Filippine, queste creature sono state importanti sin dai tempi pre-coloniali. 

La figura del drago filippino è generalmente rappresentata come una creatura con la testa di serpente e le zampe di varie creature come il coccodrillo, il leone o l'aquila. 

Il minerale associato più spesso ai draghi filippini è l'oro, simbolo di ricchezza e il potere.

In generale, la connessione tra i draghi e le pietre preziose in queste culture asiatiche è dovuta alla credenza che i draghi fossero creature di potere e saggezza, in grado di influenzare la vita degli uomini. 

Le pietre preziose erano considerate simboli di virtù e di potere, e quindi associate ai draghi come simbolo di questi attributi.

I draghi europei nelle tradizioni cristiane e pagane

Nella cultura cristiana, così come in molte altre culture, i draghi sono associati alle pietre preziose. 

In particolare, il diamante è spesso considerato la pietra preferita dei draghi, simbolo di purezza e potere. 

Secondo alcune tradizioni medievali, il diamante sarebbe stato forgiato dal fuoco dei draghi e avrebbe poteri curativi e protettivi.

Il legame tra i draghi e le pietre preziose è stato ben documentato nel folklore e nella mitologia europea. 

In molte leggende europee, i draghi sono descritti come potenti guardiani dei tesori nascosti e delle conoscenze segrete. 

In particolare, i diamanti sono stati associati ai draghi in diverse leggende, come quella del Drago di Wawel in Polonia. 

Anche nella leggenda di Sigfrido, il protagonista uccide il drago Fafnir e scopre che il tesoro del drago è fatto di diamanti e altre pietre preziose.

Nella mitologia celtica, il drago Fafnir ha ucciso il padre per impadronirsi del tesoro nascosto nella sua caverna. 

Fafnir si è quindi trasformato in un drago per proteggere il tesoro, che includeva pietre preziose come rubini e diamanti. 

Inoltre, nella mitologia greca, il drago Ladone era il guardiano delle mele d'oro dell'immortale Dea Era. 

Le mele d'oro erano protette da un giardino magico, circondato da un fiume infuocato e sorvegliato dal drago.

In Europa, in generale, molte leggende e racconti popolari raccontano di draghi che custodiscono tesori e gemme preziose. 

Anche nella cultura inglese, il drago di San Giorgio (probabilmente di retaggio romano) è spesso rappresentato con un diamante nella sua coda, simbolo della sua potenza e della sua capacità di proteggere il tesoro.

In molte storie antiche del Vecchio Continente, i draghi sono associati alla magia e alla superstizione. 

Spesso sono descritti come creature malvagie che cercano di distruggere gli esseri umani e il loro modo di vita. 

Tuttavia, questi animali mitologici sono anche considerati come potenti guardiani dei tesori nascosti e delle conoscenze segrete. 

Inoltre, il legame tra i draghi e le pietre preziose è un elemento comune in molte culture del mondo, dimostrando l'importanza e il valore che queste gemme hanno avuto per l'umanità attraverso la storia.

In Germania, il drago Fafner era legato al mito dell’Anello del Nibelungo, che racconta la storia di un tesoro protetto da un drago e la lotta per il possesso di esso. 

Questo stesso tema è presente anche in altre leggende europee, come quella del drago Zmey Gorynych nella mitologia slava e del drago Nidhogg nella mitologia norrena.

Alcune leggende parlano anche di luoghi specifici associati ai draghi e alle pietre preziose. 

Ad esempio, in Galles, la leggenda del drago rosso e del drago bianco racconta di due draghi che combattono per un tesoro di diamanti nascosto sotto una collina, mentre, sempre il drago celtico Y Ddraig Goch, simbolo proprio di questo stato, era associato alla forza e alla protezione.

Nella leggenda polacca del Drago di Wawel, la creatura viveva nelle profondità della grotta di Wawel e terrorizzava la campagna circostante, fino a quando Krak, un leggendario eroe polacco, riuscì ad ucciderlo con astuzia.

I Serpenti piumati, i draghi delle antiche Americhe

Anche nella cultura sudamericana, i draghi sono presenti, in una forma però differente da quella che viene comunemente attribuita a queste creature: il serpente piumato. 

La presenza di questa fugura potrebbe avere origini molto antiche, tuttavia nella cultura olmeca, tra le più antiche del continente, la sue esistenza è tutt’ora un argomento di dibattito tra gli studiosi, poiché non ci sono fonti dirette che attestino la sua presenza. 

Tuttavia, ci sono alcune teorie e scoperte archeologiche che suggeriscono un possibile collegamento tra la figura del serpente piumato e quest’antica civilizzazione.

La teoria principale si basa sulla presenza di una figura simile al serpente piumato in alcune sculture risalenti al periodo cosiddetto “formativo” (circa 1400-400 a.C.). 

In queste opere in pietra si notano figure umane che indossano maschere di serpente, con lunghe piume sulla testa, come nella celebre "Testa di serpente piumato" trovata a La Venta, in Messico. 

Non è chiaro, comunque, se questa figura rappresenti effettivamente il serpente piumato come quello attribuito ai maya ed agli aztechi. 

Alcuni studiosi suggeriscono che potrebbe rappresentare un'altra divinità o un antenato mitico, mentre altri ritengono che possa essere una forma primordiale del serpente piumato che sarebbe stata sviluppata e perfezionata dalle successive tradizioni mesoamericane.

Nella cultura Azteca, il serpente piumato Quetzalcoatl veniva associato alla magia e alla creazione del mondo. 

Secondo la leggenda, Quetzalcoatl ha insegnato agli uomini l'arte della scrittura e la conoscenza delle pietre preziose. 

Inoltre, la giada era considerata una pietra sacra, in grado di proteggere chi la possedeva dai pericoli. 

Nella civiltà azteca che sostituì quella maya, il benevolo dio serpente piumato si trovava anche nel pantheon degli dei. 

Quetzalcoatl era il dio serpente piumato che ha portato i benefici della civiltà in Messico. 

Il suo nome deriva da quetzal, che significa uccello con lunghe penne della coda verde, e coatl, che significa serpente. 

Secondo quanto riferito, ha insegnato all'uomo tutte le arti e le scienze ed è probabilmente il più significativo degli dei aztechi. 

Si dice che sia arrivato su un idrovolante.

Come gli dèi del pantheon sumerico, gli dei maya litigavano spesso tra loro e forse la più famosa di queste leggende riguarda la lotta tra Quetzalcoatl, che rappresentava tutto ciò che era buono, e un altro potente dio chiamato Tezcatlipoca, che era l'opposto di Quetzalcoatl e rappresentava la discordia. 

Nella mitologia Maya, che precedeva quella Azteca di millenni sono apparsi per la prima volta in America. 

I libri creati a memoria dagli indiani Quiche (Maya), chiamati Chilam Balaam, raccontano che i primi abitanti dello Yucatan indicandoli con il nome di Chanes. 

I Chilam Balam sono una serie di testi storici e mitologici scritti in lingua maya nella regione del Yucatán, in Messico, redatti durante l'era coloniale spagnola. 

Il termine "Chilam Balam" significa "scriba del giaguaro" in lingua maya, che si riferisce al ruolo sacerdotale e di scrittura delle persone che hanno scritto questi testi. 

Questi scritti contengono informazioni sulle credenze, le pratiche religiose, le tradizioni e la storia dei popoli maya della regione. 

Essi mescolano elementi di cultura maya precolombiana e di cristianesimo, riflettendo l'influenza della colonizzazione spagnola sulla cultura locale. 

La figura del serpente piumato è presente anche nei Chilam Balam, soprattutto in quelli che si riferiscono al periodo postclassico della storia maya, ovvero dal 900 al 1521 d.C. 

In particolare, il serpente piumato è spesso associato alla figura di Kukulkan, il dio serpente piumato della civiltà tolteca che si stabilì nella penisola dello Yucatán intorno all'anno 1000 d.C. 

Secondo questi documenti, Kukulkan portò la conoscenza e l'istruzione. 

Viene anche descritto come un dio che aveva la capacità di trasformarsi in un serpente piumato, simbolo della sua divinità e potere. 

Nel periodo coloniale spagnolo, la figura del serpente piumato/Kukulkan venne associata alla figura cristiana di Gesù Cristo, e alcuni testi Chilam Balam riflettono questa sincretizzazione culturale. 

È importante notare che le descrizioni della figura del serpente piumato/Kukulkan nei testi Chilam Balam variano a seconda del luogo e del tempo in cui sono stati scritti, e che queste descrizioni riflettono le differenti interpretazioni e influenze culturali che hanno caratterizzato la storia maya.

Alcuni studiosi ritengono che anche un’altra figura mesoamericana, che veniva indicata con il termine itzem, potrebbe ricordare quella di un drago. 

Questa parola poteva essere tradotta con "lucertola" o "rettile". 

Infatti Itzamal, la città sacra del dio Itzamna, significa letteralmente "il luogo della lucertola". 

Ci sono molte forme antropomorfiche di questo dio dove è raffigurato come mezzo umano e mezzo serpente. 

Era la divinità più importante del pantheon Maya ed era il dio del cielo dominante, sovrano dei cieli e uno dei pochi dei Maya non associati alla morte e alla distruzione. 

Il monumento mostra il dio olmeco nelle spire protettive di un serpente.

I draghi dell’Oceania

Esistono leggende legati a diversi tipi di draghi anche in Australia, Nuova Zelanda e Oceania. 

Il kurreah, un drago d'acqua dolce, è allungato, palmato, ricoperto di spesse squame e ha una coda prensile. 

Il burrunjor, un drago bipede, si aggira intorno a Burrunjor in Australia e si trova nel folklore aborigeno della Papua Nuova Guinea. 

Il gauarge è un mostro senza piume simile a un emù che frequenta le pozze d'acqua e crea vortici per trascinare i bagnanti. 

Il bunyip, un drago senza ali trovato in Australia, è noto per il suo muggito agghiacciante ed era ferocemente protettivo nei confronti dei suoi piccoli. 

Il mindi è una forma serpentina di bunyip che possiede poteri magici. 

L'oorundoo, originario del fiume Murray, è una gigantesca bestia acquatica. In Nuova Zelanda, si ritiene che i taniwha abbiano poteri soprannaturali e sono ancora seriamente creduti dal popolo Maori. 

Il Ngarara è un altro tipo di drago trovato nelle tradizioni Maori che assomiglia a lucertole monitor e potrebbe assumere la forma di una bellissima giovane donna. 

Le leggende di questi draghi risalgono a diverse epoche e culture, offrendo un'interessante prospettiva sulle credenze delle popolazioni locali.

Quali gemme sono collegate ai draghi?

Ci sono diverse pietre preziose associate ai draghi nelle mitologie e nelle leggende. 

Ecco alcune delle più famose:

Smeraldo: secondo alcune leggende, gli occhi dei draghi erano fatti di smeraldi. 

Ad esempio, nella mitologia greca, l'impresa di Giasone e gli Argonauti per recuperare il Vello d'Oro includeva anche la ricerca di smeraldi dal giardino delle Esperidi. 

L'importanza degli smeraldi è attestata anche in diverse altre culture, come l'antico Egitto e la Persia. 

Il valore degli smeraldi è sempre stato molto alto a causa della loro rarità e bellezza.

Rubino: secondo alcune tradizioni cinesi, i draghi avevano un rapporto speciale con il rubino, che rappresentava il loro potere e la loro forza. 

Il rubino era anche associato alla prosperità e alla longevità. 

Il valore del rubino è sempre stato molto alto a causa del suo colore rosso intenso e della sua rarità.

Zaffiro: in alcune leggende, i draghi portavano collane di zaffiri, che simboleggiavano la loro saggezza e la loro conoscenza. 

Il valore dei zaffiri è sempre stato molto alto a causa della loro bellezza e della loro durezza.

Diamante: secondo alcune tradizioni indiane, i draghi erano attratti dai diamanti a causa della loro luminosità e della loro purezza

I diamanti erano considerati gemme sacre, e il loro valore è sempre stato molto alto a causa della loro rarità e della loro bellezza.

Ametista: in alcune leggende, l'ametista rappresenta la saggezza e la protezione. 

Secondo la mitologia greca, il dio del vino Dioniso trasformò una giovane donna in una ametista per proteggerla dalla furia di Artemide. 

L'ametista è stata a lungo considerata una pietra protettiva e il suo valore è legato alla sua bellezza e alla sua durezza.

Agata: in alcune tradizioni, l'agata rappresenta la forza e la protezione. 

Secondo alcune leggende, i draghi portavano collane di agate. 

L'agata è stata a lungo considerata una pietra di protezione e il suo valore è legato alla sua bellezza e alla sua durezza.

Giada: secondo alcune tradizioni cinesi, la giada rappresenta la saggezza e la protezione. 

I draghi erano spesso raffigurati con pietre di giada incastonate nei loro occhi. 

La giada è stata a lungo considerata una pietra sacra e il suo valore è legato alla sua bellezza e alla sua durezza.

Perla: secondo alcune tradizioni, le perle rappresentano la purezza e la trasformazione. 

I draghi erano spesso associati al mare e alle acque, dove le perle si formano. 

Le perle sono state a lungo considerate gemme preziose e il loro valore è legato alla loro rarità e alla loro bellezza.

Onice: in alcune leggende, l'onice rappresenta la protezione e la forza. 

Secondo alcune tradizioni, i draghi portavano collane di onice. 

L'onice è stata a lungo considerata una pietra di protezione e il suo valore è legato alla sua bellezza e alla sua durezza.

Corniola: in alcune tradizioni, la corniola rappresenta la forza e la protezione. 

I draghi erano spesso raffigurati con pietre di corniola incastonate nei loro occhi. 

La corniola è stata a lungo considerata una pietra protettiva e il suo valore è legato alla sua bellezza e alla sua durezza.

Topazio: in alcune leggende, il topazio rappresenta la saggezza e la protezione. 

Secondo alcune tradizioni, i draghi portavano collane di topazio. 

Il topazio è stato a lungo considerato una pietra di protezione e il suo valore è legato alla sua bellezza e alla sua durezza.

Turchese: in alcune tradizioni, la turchese rappresenta la protezione e la guarigione. 

I draghi erano spesso associati alle montagne, dove questa gemma si forma. 

La turchese è stata a lungo considerata una pietra protettiva e il suo valore è legato alla sua bellezza e alla sua rarità. 

Inoltre essa rappresenta anche la saggezza e la protezione.

Lapislazzulo: in alcune leggende, il lapislazzulo rappresenta la saggezza e la protezione. 

Secondo alcune tradizioni, i draghi portavano collane di lapislazzulo. 

Questa pietra preziosa è stata utilizzata in diverse culture antiche, tra cui quella egizia e quella mesopotamica, per la creazione di gioielli, statue e oggetti di valore. 

Inoltre, il lapislazzulo era considerato una pietra sacra e veniva utilizzato per decorare tombe e templi. 

Il suo valore era quindi legato sia alla sua bellezza, con il suo caratteristico colore blu intenso, sia alla sua importanza culturale e simbolica.

Sardonice: in alcune tradizioni, la sardonice rappresenta la protezione e la forza. I draghi erano spesso raffigurati con pietre di sardonice incastonate nei loro occhi. 

La sardonice è stata a lungo considerata una pietra di protezione e il suo valore è legato alla sua bellezza e alla sua durezza. 

Inoltre, in alcune culture antiche veniva utilizzata per la creazione di sigilli e amuleti, conferendo loro poteri protettivi.

Malachite: la malachite è stata associata ai draghi in alcune leggende cinesi, dove rappresenta la longevità e la prosperità. 

La pietra è caratterizzata dal suo colore verde intenso, e il suo valore è legato sia alla sua bellezza sia alla sua rarità.

Granato: il granato rappresenta la forza e la protezione in alcune culture. 

In alcune leggende, i draghi portano gioielli di granato, e la pietra è stata utilizzata in antichità per la creazione di oggetti di valore, come amuleti e sigilli. 

Il suo valore è legato sia alla sua bellezza, con i suoi diversi colori, sia alla sua importanza culturale.

Peridoto: in alcune tradizioni, il peridoto rappresenta la protezione e la forza. 

In alcune leggende, i draghi portano gioielli di peridoto, e la pietra è stata utilizzata in antichità per la creazione di amuleti protettivi. 

Il suo valore è legato sia alla sua bellezza, con il suo caratteristico colore verde, sia alla sua importanza culturale.

Le credenze riguardanti queste pietre preziose risalgono a secoli fa e sono presenti in diverse culture. 

Ad esempio, l'importanza degli smeraldi è attestata già nell'antico Egitto, mentre le tradizioni cinesi riguardanti i draghi e il rubino risalgono almeno al III secolo a.C. 

Il valore di queste gemme è sempre stato molto alto, sia per la loro rarità che per il loro valore simbolico e culturale.

I draghi sono sempre stati associati alla magia e alle superstizioni, e la loro figura è stata spesso legata a pietre preziose e diamanti in diverse credenze popolari di tutte le culture. 

Il fascino dei serpenti e dei draghi non è mai svanito nel corso dei secoli e continua ad affascinare l'immaginazione umana, ispirando numerose leggende e opere di fantasia come libri, film e videogiochi. 

Inoltre, i draghi e i diamanti hanno una particolare rilevanza nella cultura contemporanea, soprattutto nell'industria del cinema e dei videogiochi. 

I draghi sono spesso rappresentati come creature potenti e imponenti, mentre i diamanti sono utilizzati come oggetti di grande valore e ricchezza. 

Queste rappresentazioni alimentano la nostra immaginazione e la nostra curiosità per queste creature e pietre preziose.

In conclusione, i legami tra draghi e diamanti sono profondi e radicati nella cultura e nella mitologia di molte culture in tutto il mondo. 

Sia i draghi che i diamanti sono simboli di potenza, forza e bellezza, e hanno una particolare rilevanza nella cultura contemporanea. 

Tuttavia, non bisogna dimenticare che queste credenze sono basate sulla fantasia e la mitologia, e non hanno alcuna base razionale o scientifica. 

Allo stesso tempo, la loro simbologia e il loro significato culturale continuano a influenzare la nostra percezione di queste pietre e creature mitologiche, rendendole ancora oggi oggetto di fascinazione e mistero. 

In conclusione, i draghi e i diamanti sono legati da una serie di credenze e leggende popolari in tutto il mondo. 

I draghi rappresentano la forza, la saggezza e la protezione, mentre i diamanti simboleggiano la purezza, la resistenza e la bellezza. 

I tesori dei draghi sono spesso fatti di pietre preziose, come diamanti e rubini, che rappresentano la loro potenza e la loro capacità di proteggere ci ò che è più prezioso. 

Allo stesso modo, i diamanti sono spesso associati alla magia e alla superstizione, utilizzati come amuleti protettivi e simboli di fortuna e prosperità.

Ma i draghi sono mai esistiti?

L'esistenza dei draghi è stata oggetto di molte leggende e racconti nel corso della storia, ma la domanda che ci poniamo è: i draghi sono mai esistiti davvero? 

Come investigatore storico ed archeologico, cercherò di dare una risposta a questa domanda attraverso la ricerca di reperti e documenti in diverse culture antiche del mondo.

I mercanti arabi una volta navigavano verso le isole di Socotra nel Mar Arabico per ottenere la resina dal frutto dell'albero del sangue del drago simile a una palma. 

Il sangue di drago un tempo era apprezzato come medicinale in Europa e nel Medio Oriente. 

Secondo il primo naturalista romano Plinio il Vecchio, il sangue di drago si formò quando i draghi attaccarono gli elefanti e il loro sangue si unì e si congelò.

In molte culture dell'Asia, i draghi sono stati considerati creature divine e potenti, spesso associati alla fertilità, alla pioggia e alla prosperità. 

Nella mitologia cinese, ad esempio, i draghi sono descritti come esseri lunghi e sinuosi, con squame dure e un potere sovrannaturale. 

Tuttavia, la descrizione dei draghi nella mitologia cinese sembra essere molto simile a quella di animali che potrebbero essere esistiti nella realtà, come il dinosauro Yutyrannus, il cui fossile è stato scoperto solo nel 2012. 

Anche se il Yutyrannus era molto diverso da come veniva descritto il drago cinese, potrebbe aver ispirato la leggenda. 

Un drago da parata cinese è portato da ballerini del Wan Chi Ming Hung-Gar Institute, una scuola di arti marziali di New York City, ed esegue la danza del drago, una tradizione cinese legata al capodanno lunare.

In Europa, i draghi erano spesso descritti come creature più simili a serpenti alati, con artigli e un alito infuocato. 

In molte leggende europee, i draghi erano visti come creature che infestavano le grotte o che terrorizzavano i villaggi, e spesso erano sconfitti da cavalieri coraggiosi. 

Mentre molte di queste leggende sembrano essere completamente inventate, potrebbero esserci alcune fonti storiche che hanno ispirato la leggenda. 

Ad esempio, il fossile di un pterosauro, un rettile volante estinto, potrebbe aver ispirato la creazione della leggenda del drago. 

Il cranio di un rinoceronte lanoso (Coelodonta antiquitatis) era un tempo conservato nel municipio di Klagenfurt, in Austria. 

Si diceva che fossero i resti di un drago ucciso prima che la città fosse fondata intorno al 1250 d.C. 

La leggenda narra che molto tempo fa le paludi vicino a Klagenfurt, in Austria, erano infestate da un temibile Lindwurm, un drago simile a un serpente. 

Ha divorato tutte le persone e il bestiame che si avventuravano sulla sua strada. 

Alla fine, i cittadini di Klagenfurt decisero di affrontare la bestia, e il coraggioso cavaliere locale, San Giorgio, si offrì volontario per uccidere il drago.

Dopo una lunga battaglia, San Giorgio riuscì finalmente a sconfiggere il Lindwurm, salvando la città e il suo popolo. 

In segno di vittoria, la città costruì una statua di San Giorgio che combatte il drago, che ancora oggi si trova nella piazza principale della città. 

La leggenda del Lindwurm è ancora molto presente nella cultura e nella tradizione di Klagenfurt. 

Ogni anno, nel mese di giugno, si tiene una grande festa chiamata "Lindwurm Fest", in cui viene celebrata la vittoria di San Giorgio sulla bestia mitologica. 

La festa è caratterizzata da cortei, spettacoli di giocoleria, musica, danze e bancarelle di cibo e artigianato.

Inoltre, il drago è diventato un simbolo della città e si possono trovare molte rappresentazioni del Lindwurm in vari monumenti, edifici, bandiere e stemmi della città. 

La leggenda del Lindwurm di Klagenfurt è quindi diventata un elemento importante dell'identità culturale e storica della città.

Concludendo, la figura del drago è presente in numerose leggende e mitologie di diverse culture, suscitando fascino e mistero. 

Nonostante non ci siano prove concrete della loro esistenza, non possiamo escludere completamente la possibilità che questi antichi esseri siano vissuti nel nostro mondo, magari in epoche remote. 

Tuttavia, ciò che rende i draghi davvero speciali è il loro potere evocativo, in grado di stimolare l'immaginazione e la creatività di generazioni di persone. 

Continueremo a fantasticare sulle possibili forme e abitudini dei draghi, alimentando la nostra sete di conoscenza e di avventura.


Fonti: jstor.org, The Dragon in Ancient Mesopotamia di E. Douglas Van Buren, Flying Serpents and Dragons: The Story of Mankind's Reptilian Past di By R. A. Boulay, auroswords.com, karlshuker.blogspot.com/2013/12/the-dragons-of-oceania.html, By aurosjnc in DragonWords, HIC SUNT DRACONES, In Dracones, naominovik.fandom.com, "Il libro dei mostri" di David Day, pubblicato nel 2014, che esamina creature fantastiche in tutto il mondo, tra cui i draghi. "Il mito del drago nella cultura occidentale" di Joseph Nigg, pubblicato nel 1982, che esplora la storia e le origini delle leggende dei draghi in Europa. "La mitologia cinese" di Anne Birrell, pubblicato nel 1993, che descrive le credenze e le leggende della mitologia cinese, tra cui quelle dei draghi. "Encyclopedia of Dragons" di John Matthews, pubblicato nel 2006, che presenta una raccolta di leggende e raffigurazioni di draghi in tutto il mondo. "Aztecs: An Interpretation" di Inga Clendinnen, pubblicato nel 1995, che esamina la cultura e la religione degli Aztechi, tra cui la divinità del serpente piumato. "Maya Art and Architecture" di Mary Ellen Miller, pubblicato nel 2014, che descrive l'arte e l'architettura della civiltà Maya, tra cui le raffigurazioni di creature simili a draghi. ufl.edu, amnh.org.
| Designed by Diamtrader.net