Il Carato | Diamanti, pietre preziose e gemmologia | Diamtrader.net

Il Carato

Il Carato

Carato Diamanti

La parola "Carato" ci arriva dalla parola araba "Gīrāṭ" (ventiquattresima parte), che a sua volta arriva dal greco kerátion (diminutivo di Keras "corno"). 

Questa parola, originariamente faceva riferimento alla siliqua, per nulla differente dal carrubo, i cui semi hanno una massa molto uniforme, di circa 1/5 di grammo. 

Attenzione però, i semi del carrubo non hanno tutti una massa uguale fra loro, infatti questa rimane solo una credenza ormai del passato, sfatata col tempo. 

Infatti la massa di questi semi varia, come quella di altri semi. 

Il carrubo è stato scelto, si suppone, solo per la facilità di osservare le differenze dimensionali a occhio nudo.

Solo nel 1832 il carato fu definito con precisione, nello stato del Sudafrica, il luogo ancora ad oggi di maggior produzione ed esportazione di diamanti nel mondo. 

E fu in Sudafrica che fu stabilita la connessione finale coll’odierno sistema metrico decimale. 

Per arrivare a tale risultato, fu usata una bilancia a braccia uguali, con dei semi di carruba. 

Eseguendo poi la media aritmetica dei valori ottenuti, si ottenne un valore pari approssimativamente a 0,2 grammi

Più avanti, nel 1907, la quarta Conferenza Generale dei Pesi e delle Misure, adottò definitivamente il carato (chiamato anche carato metrico), come unità di misura di massa equiparabile a 0,2 grammi.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER